sabato 5 gennaio 2013

Er mozzarolo

Il cosiddetto mozzarolo era colui che raccoglieva i mozziconi di sigaretta per poi rivendere il tabacco che ricavava da esse. Le cicche e le mozze erano i pezzetti piú corti delle sigarette o dei sigari, mentre quelli più lunghi erano chiamati mozzoni e bersaglieri.
Da questi mozziconi si ricavava un tabacco fortissimo, perchè già impregnato della nicotina dell'utilizzo precedente; esso veniva usato per fare altre sigarette oppure per caricare la pipa. I mozzaroli dividevano in mucchietti i diversi tipi di tabacco (di sigaretta o di sigaro) e li rivendevano. Il luogo in cui si facevano gli affari migliori era Piazza Montanara, perché lì si riunivano i contadini in attesa di essere ingaggiati per lavorare nelle campagne dell'Agro romano, e che per concedersi il piacere di fumare potevano spendere solo pochi centesimi!
È sorprendente notare che l'abitudine di riunirsi in alcuni posti aspettando di essere reclutati per un lavoro, è ancora oggi presente, soprattutto nell'ambito dell'edilizia: fuori agli smorzi piú grandi o presso alcuni capolinea di autobus, la mattina presto ci sono schiere di operai in attesa di guadagnarsi la giornata (con buona pace delle norme sul lavoro!), e che durante l'attesa... fumano! Il mozzarolo, invece, temo che sia stato rimpiazzato da qualche contrabbandiere che di sicuro risulta piú difficile individuare!
Per saperne di più su piazza Montanara clicca qui